Serie B: SD Met – PN Bergamo

MILANO – Sabato 23 febbraio, il settebello della Pallanuoto Metanopoli conquista la settima vittoria in sette giornate. A cadere sotto i colpi dello squadrone sandonatese, capolista del girone 2 della serie B, è il Bergamo, che viene sconfitto 18 a 6. La partita si gioca nella piscina Saini di Milano, dove finalmente la Metanopoli può tornare a giocare gli incontri casalinghi, ma il match è a porte chiuse, senza pubblico, in un’atmosfera surreale. Un peccato considerato che, al di là del risultato impietoso, la partita è stata bella e al Bergamo non hanno difettato grinta e concentrazione.
Il primo tempo comincia con l’immediato vantaggio del Bergamo. Il centroboa bergamasco, marcato dal davanti da Tafuro, riceve un bel passaggio che scavalca il difensore sandonatese e insacca con una rovesciata. Ma il numero 2 della Metanopoli si rifà subito: prende il tempo al boa sul rovesciamento di fronte, arriva in controfuga in attacco e da posizione centrale fa un gran gol riportando la partita in parità. Brambilla raddoppia con una sassata imparabile su uomo in più dopo una bella circolazione di palla, Maccioni in controfuga va a segnare il terzo e Tafuro, che aveva aperto le marcature sandonatesi del primo tempo, le conclude con un bel tiro all’ultimo secondo di un’azione in superiorità numerica.
Il secondo quarto si apre quindi sul 4 a 1 per i padroni di casa, ed è Maccioni-show: i suoi gol nel tempo saranno quattro e in generale il suo impatto sulla partita, in termini di palle recuperate e controfughe portate, sarà fondamentale. Ma andiamo con ordine. Ancora su un rovesciamento di fronte Maccioni, che prende il tempo all’avversario, segna il 5 a 1. Risponde il Bergamo col suo centroboa, il numero 10, che prima guadagna espulsione e poi, ricevuta la palla solo davanti al portiere, trafigge Ferrari. Maccioni è però un flagello implacabile per la difesa bergamasca e sempre in contropiede segna il 6 a 2 e il 7 a 2. Poi la Metanopoli combina un po’ un pasticcio: subisce di nuovo espulsione al centro, sull’uomo in meno Ferrari riesce a parare una palombella con la punta delle dita, ma sul rilancio il compagno di squadra si addormenta, non vede la palla, che viene così recuperata dal numero 7 bergamasco che va in rete e porta il punteggio sul 7 a 3. Ultima marcatura del tempo di nuovo di Maccioni che entra da posizione 5, riceve palla, fa due finte che mettono a sedere il portiere avversario e realizza.
Le squadre si invertono la metà campo ma il copione resta lo stesso. Brambilla apre le danze tirando un siluro che gonfia la rete avversaria, Maccioni segna su rigore – il portiere avversario viene visto mentre tira verso il basso la porta dal palo, riducendone così lo specchio, e viene punito dall’arbitro -, ancora Brambilla segna in controfuga e poi arriva la doppietta del boa sandonatese Palmieri: il primo gol in controfuga e il secondo con una strabiliante rovesciata dal centro che rimbalza sull’acqua e si infila sotto il sette. A questo punto va in rete anche il Bergamo, col numero 8, ma il mancino Caliogna riporta il vantaggio della Metanopoli in doppia cifra sul 14 a 4.
L’ultimo tempo inizia con l’ormai consueto cambio tra i pali per la Metanopoli, col giovane Mellina che sostituisce Ferrari, e con la fulminea rete di Brambilla. Poi il Bergamo approfitta del portiere sandonatese, forse entrato un po’ freddo in partita, prima con una palomba da posizione due del numero 8 e poi con un tiro su uomo in più del numero 9 che finisce in rete dopo un tocco dell’estremo difensore. Siamo sul 15 a 6. Mellina comunque non si fa scoraggiare e nei minuti successivi trova il riscatto con alcune eccellenti parate. In questo quarto trovano spazio in acqua anche giocatori che finora hanno avuto meno minuti a disposizione, come ad esempio il giovane De Campo, che fa registrare un’ottima prestazione. Dopo la terza rete di Tafuro, che riporta il distacco in doppia cifra sul 16 a 6, è infatti De Campo a siglare la sua doppietta – in controfuga, servito dall’onnipresente Maccioni – e a portare il punteggio sul definitivo 18 a 6.
SD METANOPOLI 18 – BERGAMO 6
(4-1, 4-2, 6-1, 4-2)
Metanopoli: Ferrari, Tafuro3, Brambilla 4, Rigon, De Campo 2, Guzzetti, Guenna, Palmieri 2, Maccioni 6, Ottazzi, Spigno, Caliogna 1, Mellina
Bergamo: Facchinetti, Morotti, Piacezzi, Cuomo, Crippa, Carrara, Tadini 1, Ginocchio 2, Baldi 1, Riva 2, Cavagna, Filippelli, Pellegrini

I commenti sono chiusi