Metanopoli Agonistica: tutto in 30 giorni!

Con la partita di Vigevano, la Metanopoli Sport Agonisti esce da un trittico di partite in cui riesce a togliersi qualche soddisfazione senza riuscire però a sbloccare lo 0 dalla casella dei punti. Troppo altalenante la prestazione della squadra. A parziale discolpa concorre la continua rotazione dei giocatori che, tra infortuni e disponibilità, non garantisce stabilità nel gruppo e continuità nel gioco. In compenso, la situazione tutt’ora precaria di condizione fisica e la poca preparazione a gestire i momenti chiave della partita, superiorità numeriche in primis, non possono soddisfare un gruppo che a metà stagione sembrava aver trovato il suo bilanciamento.

La partita contro il Monza ha infatti cancellato tutte le certezze: dopo i segnali positivi contro il Vigevano e la partita persa solo nel finale con il CUS si puntava a vincere lo scontro tra ultime in classifica. La squadra di Guidi si è presentata invece poco combattiva: presagendo una passeggiata, alla prima difficoltà è finita per cadere in un vertice di giocate individuali che, anziché risolvere la partita, hanno fatto saltare ogni schema aprendo il fianco a buchi e strappi difensivi difficili da colmare.

Parziale risposta si è avuta contro la Canottieri, limitata e tenuta a giocare punto a punto per metà partita a conferma dei progressi fatti rispetto alla prima partita di campionato. Poi il solito calo nel finale ha dilatato il punteggio fino al 18-8.

Medesimo copione a Vigevano: a ranghi ridotti ma comunque combattivi, la squadra ha tenuto i soliti 2 tempi accorciando prima fino a 4-3 e chiudendo a metà gara sul punteggio di 7-3. L’8-1 subito nel terzo tempo ha sottolineato calo fisico e mentale, compensato però dall’unità del gruppo e sigillato dal primo gol di Greg, un vero nuovo acquisto in questo girone di ritorno.

Come invertire la rotta? Sembra chiaro che solo a ranghi completi si riesce ad evitare quel calo fisico che caratterizza la seconda parte della partita. Ma Monza insegna che non basta scendere in acqua per vincere: allenamento o perlomeno un po’ più di gioco di squadra saranno fondamentali.

L’appuntamento è dunque in piscina, un mese all’attacco e tutti insieme per affrontare le ultime 2 partite di stagione: CUS Milano (11 Aprile) e Monza (2 Maggio), per sbloccare la classifica, per non rimanere i fanalini di coda, per festeggiare questo bel campionato giocato insieme!

Nessun commento ancora

Lascia un commento